Si è svolto in un clima blindatissimo il 5 e 6 novembre, al Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, il G7 Salute a cui hanno partecipato i ministri del settore di Italia, Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti, nonchè il commissario Ue alla Salute e i direttori di Oms (Organizzazione Mondiale Sanità, Fao (Food and Agricultural Organization of the United Nation), Oie(Organizzazione mondiale per la salute animale), Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) ed Efsa (European Food Safety Authority).

Il Summit, ha affrontato numerosi aspetti dagli impatti del clima sulla salute al benessere materno ed infantile passando per l’antibiotico resistenza, voluto in apertura dalla presidenza italiana con il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, all’intervento il Direttore Generale dell’OMS ha commentato sottolineando la necessità di aumentare gli investimenti a supporto della ricerca, ricordando inoltre che la nostra sopravvivenza dipende dallo stato di salute del nostro pianeta e che se l’ambiente è minacciato anche la nostra salute lo è. Concetto ripreso anche dal vice direttore dell’OIE che ha rincarato sottolineando come salute umana, animale e dell’ecosistema siano strettamente connesse:

Il Direttore Generale della FAO José Graziano de Silva, infine, è intervenuto lanciando la sfida di controllare ciò che mangiamo, lavorando su pubblicità e soprattutto informazione sui prodotti alimentari.

 

https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/alimentazione/2017/11/05/g7-salutefao-2-miliardi-con-problemi-nutrizione-entro-2030_e17789be-95ca-4127-8345-642a2814ff35.html

http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=55494

http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2017-11-04/-pressing-ema-milano-g7-salute–193423.shtml?uuid=AEGl7b3C&refresh_ce=1

http://milano.repubblica.it/cronaca/2017/11/01/news/g7_sanita_milano_ema-179941261/

Articolo di Eleonora Grazioli

Categorie: Flash news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *